Sul nuovo perimetro del Parco

Il Coordinamento delle associazioni ambientaliste del territorio dei Colli Euganei ha inviato alla Giunta Regionale delle osservazioni critiche in merito alla definizione del nuovo perimetro del Parco, maldestro risultato di una trattativa imposta dalla Regione ai Comuni.

Certo, non si può obiettivamente parlare di “stravolgimento” del perimetro del Parco dei Colli. Ma il merito per questo risultato va, altrettanto obiettivamente, alla responsabile posizione assunta dalla maggior parte dei sindaci (i quali hanno forse voluto tener conto anche delle forti manifestazioni che in questi ultimi mesi sono partite dal territorio).
Per contro però non possiamo non sottolineare il livello di questo risultato, sconcertante sotto vari aspetti, arrivato oltretutto dopo tutta questa dispendiosa, fuorviante fase di “trattative” imposta dalla Regione. Un risultato che rivela in pieno la mancanza di credibili motivazioni alla base dell’operazione. Non c’entrano certo i cinghiali e sicuramente neanche particolari situazioni di obiettiva criticità da affrontare con tanta precipitosa urgenza.
Crediamo che in definitiva si sia dato un segnale di confusa, superficiale arrendevolezza di fronte a posizioni critiche largamente preconcette e pretestuose. Le stesse, del resto, già inopinatamente accolte in fase di adozione del Piano Ambientale, quando il perimetro del Parco, fissato dai progettisti sulla base di motivate argomentazioni, è stato ridotto, su pressione di questi stessi Comuni, come indicato nelle planimetrie allegate.
C’è davvero da chiedersi quale seria motivazione possa stare alla base ora per questa nuova contorta e artificiosa linea di confine proposta.
Per quanto ci riguarda non mancheremo di far presenti le nostre osservazioni nel corso dell’iter di questa pratica, ma certo sarebbe stato più confortante per tutti se un segnale di maggior credibilità e attenzione fosse venuto innanzitutto dalla Regione.
Per il Coordinamento delle Associazioni Ambientaliste del Parco Colli Euganei
Gianni Sandon,  Flores Baccini,  Francesco Miazzi
P.S. : Nelle due planimetrie allegate i confini inizialmente previsti per l’area Parco sono quelli indicati dalla linea tratteggiata rossa.
Este, 27 marzo 2017

 

Planimetria zona Teolo
Planimetria zona Vo’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *