“La grande trama, tra rifiuti e gestione profughi”

Si terrà a Monselice, Venerdì 1 aprile alle ore 21.00 presso la sala delle Associazioni in Via San Filippo Neri n.19, un incontro pubblico dal titolo: “La grande trama, tra rifiuti e gestione profughi“. Dopo le notizie del grave indebitamento del Bacino Padova Sud, il proposito è quello di denunciare le responsabilità politico/amministrative e ricercare le soluzioni, perché a pagare non siano i cittadini e i lavoratori.

locandina rifiuti bacino 01-04-2016La bassa padovana è da anni al centro di una fitta rete di intrecci che, partendo dai Consorzi di gestione dei rifiuti, si è estesa al business dell’accoglienza dei profughi.

Bacini, consorzi, società, cooperative, associazioni temporanee di impresa hanno costruito una formidabile ragnatela dove alcuni personaggi e tutte le forze politiche hanno speculato in maniera evidente.

Un ceto politico/affaristico trasversale ha prodotto danni ambientali e un debito di decine di milioni di euro che ora rischia di ricadere sulle bollette pagate dai cittadini e sui lavoratori impiegati in questi settori.

Nel frattempo qualcuno di questi responsabili ha pensato bene di togliersi formalmente dal bagordo, per buttarsi a capofitto sulla gestione milionaria dei profughi dove, però, i problemi non mancano…

COME FUNZIONA QUESTO MONDO PARALLELO E COME USCIRE DA QUESTA SITUAZIONE?

Dopo aver illustrato la rete di intrecci, con i nomi dei suoi componenti,

Ne parliamo con:

Francesco Peotta Sindaco di Barbona

Luciano Zampieri Sindaco di Baone

Mara Bedin Federconsumatori

Roberta Polese giornalista del Corriere del Veneto e Reteveneta

Salvatore Livorno “Democrazia e Lavoro” CGIL

Introduce e coordina Francesco Miazzi

Comitato popolare “Lasciateci respirare”

Progetto grafico @linda Red Baldo

Qualche articolo apparso sulla stampa locale in questo periodo

bacino 2bacino 1bacino 4 bacino 3

Mattino_2016-03-13_Este bacino PD3Mattino_2016-03-19_este sesa bacino

Un commento su ““La grande trama, tra rifiuti e gestione profughi””

  1. Ma, forse avete individuato il bersaglio con precisione, cioè con nome e cognome ma non mi piace l’aver accostato trama-rifiuti-profughi. Ci sono percorsi precisi che potevano essere colti prima( e che alcuni hanno indicato molti anni fa) e che erano chiari quando si è visto che il politico in questione era contro la raccolta porta a porta nel suo paese nel 1997 e poi diventava presidente del bacino creato per la stessa raccolta. L’errore era allora quello di credere, come spesso accade in Veneto, che il discorso erano i soldi, mentre il soggetto erano i rifiuti e si ripete ora con i profughi. Ma sono cose completamente diverse. Si deve parlare da un lato di rifiuti e da un lato dei profughi e lasciare il mcd(leggi skej) agli arru(a)foni!
    Anche in questo caso verranno un sacco di persone ma il rischio di confusione è grosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code