Trasparenza? Non è nelle corde dell’amministrazione comunale di Monselice.

“Gentile Signor Sindaco, con riferimento alla questione in oggetti, debbo constatare che è rimasta senza seguito la mia richiesta del 30/05/2016, ancorché sollecitata con nota del 27/7/2016.”

Così esordisce il Garante regionale dei diritti della persona, nel suo secondo sollecito al Sindaco di Monselice con il quale torna a chiedere chiarimenti in merito alle osservazioni alla Delibera del Consiglio Comunale n.19 del 6/4/2016, presentate da Nuova Monselice e rimaste sostanzialmente non risposte, se non con un laconico rigetto.

thumbnail of 2016-05-30_richiesta-difensore-civico
Prima richiesta chiarimenti del Garante 30/05/2016
thumbnail of 2016-07-27_primo-sollecito-difensore-civico
Primo sollecito del Garante del 27/07/2016
thumbnail of 2016-09-13_secondo-sollecito-difensore-civico
Secondo sollecito del Garante del 13/09/2016

Come abbiamo ben visto, la trasparenza non è certo uno dei fondamenti che guida l’azione di questa amministrazione. Pensavamo che almeno al Garante Regionale il Sindaco ritenesse di dover rispondere, e invece, a distanza di cinque mesi dalla prima richiesta e di fronte al secondo sollecito, anch’egli resta totalmente ignorato.

Questo modo di procedere dimostra disinteresse e disprezzo sia nei confronti dei cittadini che delle figure istituzionali preposte alla tutela dei diritti del cittadino; è un aspetto che caratterizza sempre di più questa amministrazione e probabilmente è lo specchio della paura di un confronto vero e diretto e di una  rappresentatività che sente venire meno.

 Il gruppo  “Nuova Monselice”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code