Francesco Miazzi annuncia la sua candidatura con “Ven(e)to nuovo”

PERCHE’ MI SONO CANDIDATO AL CONSIGLIO REGIONALE NELLA LISTA “Ven(e)to nuovo”  – https://www.facebook.com/groups/295942191837/

Nel clima generale che stiamo vivendo, fare questa scelta non è stato facile. I provvedimenti del Governo in carica (Job act, sblocca Italia, riforma della scuola, riforma elettorale, etc.), spesso ci vedono critici e oppositori. Quando per diversi motivi non si è concretizzata la costruzione di una lista unitaria alternativa, avevamo di fronte a noi essenzialmente due possibilità: stare a guardare e attendere che la “coalizione sociale” di Landini o chi per essa, avviasse un possibile percorso ricompositivo e alternativo, oppure misurarci con quello che si stava delineando sul campo.

Vedendo com’è stato ridotto il Veneto in questo ventennio, assistendo inorriditi all’evoluzione razzista e fascistoide della Lega, di stare fermi o di fare scelte demagogiche votate alla pura testimonianza, non ce la siamo sentita. La proposta di una lista elettorale interna alla coalizione del centrosinistra, Ven(e)to nuovo (un’alleanza tra Sinistra Ecologia e Libertà, Sinistra Veneta, Verdi europei/Green Italia e persone e attivisti della società civile), ci ha visti interessati e partecipi.

Quando, nella stesura del programma di coalizione, le trivellazioni vengono cancellate, i project rimossi dall’agire amministrativo, si prevede un forte incremento economico per le nuove assunzioni, si passa operativamente al taglio dei compensi e benefit dei Consiglieri, si fissa il blocco della vendita degli alloggi popolari, si ripongono in discussione tutte le grandi opere attivate dai devastatori, cominciano a mostrarsi aspetti concreti che non vanno sottovalutati.

Questo non significa aver rimosso le differenze tra noi e le altre forze del centrosinistra, il Pd in particolare. In questo passaggio elettorale, la nostra scelta cerca principalmente di rispondere alla richiesta di tantissime persone impegnate nei comitati, associazioni, gruppi, movimenti per chiudere definitivamente una pagina troppo lunga e cupa della storia veneta.

Oggi, abbiamo l’occasione di scardinare il blocco forzista-leghista che per un ventennio ha cementato interessi come ha cementificato senza scrupoli la Regione. Abbiamo la possibilità di contribuire al cambiamento proponendo un modello nuovo di società e di gestione amministrativa.

Per questo con determinazione e convinzione mi candido nella lista Ven(e)to nuovo. Vorrei dare rappresentanza ai cittadini che in questi anni hanno agito contro la devastazione dell’ambiente e per difendere la loro salute, contro la precarizzazione del lavoro e per un modello di sviluppo diverso, contro lo svilimento della scuola pubblica e per garantire a tutti l’accesso all’istruzione, contro la privatizzazione della sanità e per migliorare l’accesso alle cure mediche, contro l’imbarbarimento dei rapporti sociali e per riaffermare i principi della solidarietà e dell’integrazione.

Gli stessi che hanno costruito una trama solidale rispettosa delle differenze, gli stessi che hanno sottoscritto proposte per la riconversione ecologica delle produzioni, che hanno rilanciato la richiesta di un reddito di cittadinanza, che si battono per il diritto alla casa, difendono i beni comuni come l’acqua, il patrimonio ambientale e paesaggistico, che cercano di salvare il Parco dei Colli Euganei così come il singolo albero in ogni angolo delle città, che amano gli animali e ne riaffermano i diritti.

In questi anni ho maturato esperienza e conoscenze che metto a disposizione per un cambiamento della società veneta che vada in una direzione giusta e solidale.

Lo farò solo se mi accorderete fiducia e scriverete il mio nome a fianco del simbolo di Ven(e)to nuovo.

Francesco MiazziSIMBOLO VEN(E)TO NUOVO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code