A Monselice varianti al PRG approvate con norme illegittime?

Ancora un’applicazione errata nelle procedure urbanistiche. Con l’ultima “variantina ad hoc” si cambiano i parametri urbanistici, edilizi e il metodo di misurazione, si consente peraltro una proliferazione diffusa della cartellonistica pubblicitaria. Nella “distrazione” totale dei Consiglieri Comunali, prosegue in questo Comune la logica dell’urbanistica creativa.

Siamo di fonte all’ennesima applicazione errata delle norme che regolano le procedure urbanistiche. Questa volta è finita sotto la nostra attenzione la Delibera di Consiglio Comunale di Monselice N. 4 del 26-01-2016VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO EDILIZIO E ALLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PRG, AI SENSI DELL’ART.50 COMMA 4 LETT.L) DELLA L.R. N.61/1985E DELL’ART.48 DELLA L.R. N.11/2004E S.M.I. ” ma pubblicata qualche giorno fa.

Una variante volta a modificare i Parametri urbanistici e edilizi e il metodo di misurazione, a liberalizzare cartelli stradali, pubblicitari e simili, probabilmente per accontentare qualche specifica richiesta di privati.

Questo modus operandi dell’Amministrazione comunale di Monselice non è assolutamente una novità:  tutti conoscono le conseguenze anche giudiziarie che hanno spesso coinvolto uffici e amministratori.

Ora però siamo all’apice della contraddizione, poiché probabilmente per velocizzare i tempi, si vanno ad approvare varianti utilizzando norme provvisorie, applicabili solamente in attesa dell’approvazione del PAT.

Peccato che il PAT del Comune di Monselice sia stato definitivamente approvato mediante Conferenza di servizi in data 17.8.2015 e ratificato con Decreto del Presidente della Provincia di Padova n° 133 del 6.11.2015, pubblicato nel BUR n° 110 del 20.11.2015.

IndifferenzaNella “distrazione” totale dei Consiglieri Comunali di maggioranza che hanno votato l’approvazione della variante, nel balbettio sommesso e poco pertinente della minoranza che si è astenuta, prosegue in questo Comune la logica dell’urbanistica creativa.

Con un Sindaco che da anni si tiene strette queste deleghe ma che di urbanistica capisce molto poco, con funzionari che piegano le norme anziché applicarle, con un Consiglio Comunale che anziché svolgere funzione di verifica e controllo si trastulla spesso su aspetti marginali, l’eccezione sembra diventata la regola.

Abbiamo presentato un’osservazione e un invito, rivolto al Sindaco, ai Consiglieri Comunali e al Presidente della Provincia, sostenendo che, a nostro avviso, la Delibera adottata dal Consiglio Comunale presenta profili di palese illegittimità, in quanto basata su presupposti normativi non conformi. Conseguentemente ne abbiamo chiesto l’annullamento e un’eventuale riproposizione rispettosa della norme di legge.

Con analoghe motivazioni, abbiamo evidenziato inoltre che dovrebbe essere verificata anche la validità delle varianti parziali al PRG approvate sugli stessi presupposti, con deliberazioni del Consiglio Comunale nn. 57, 58 e 59 del 29.9.2015, poiché approvate successivamente all’approvazione del PAT, che ricordiamo, è avvenuta il 17.8.2015.

Christianne Bergamin e Francesco Miazzi per il gruppo “Nuova Monselice

thumbnail of OSSERVAZIONE VARIANTI PRG 10-02-16thumbnail of DELIBERA_CONSIGLIO_n_4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code