C&C: arrivano i fondi per la bonifica, ma continueremo a vigilare.

La vicenda della C&C di Pernumia, oggetto di molte mobilitazioni, arriva ad una svolta decisiva con l’annuncio dello stanziamento di ulteriori risorse destinate alla bonifica. Soddisfazione ma anche molta cautela da parte delle Associazioni e dei Comitati che in questi anni si sono prodigati per denunciare i pericoli e richiedere un intervento delle istituzioni. Ecco il loro Comunicato.

Martedì 2 luglio 2020, una nostra rappresentante è stata presente al sopralluogo che l’Assessore Roberto Marcato ha effettuato nel sito della ex C&C di Pernumia, durante il quale ha annunciato che la Regione ha reperito ulteriori risorse per 7 milioni di euro, da aggiungere ai 5 milioni dell’anno scorso, per l’asporto dei rifiuti tossici del deposito di Pernumia, fondi che fanno capo in entrambi i casi alla Legge speciale per Venezia.

Esprimiamo viva soddisfazione per questa notizia perché dalle dichiarazioni di stamattina sembra che i 12 milioni totali saranno sufficienti per asportare tutte le 43 mila tonnellate rimaste. E’ anche positivo che si faccia un unico bando di gara e che il tutto sia gestito da un ente sovracomunale (Veneto Acque). 

Abbiamo ringraziato l’Assessore Roberto Marcato, che avevamo incontrato negli uffici del suo assessorato nel marzo 2019 proprio per chiedergli un suo personale impegno nel disinnescare questa bomba ad orologeria.

Ora auspichiamo che l’iter avvenga in tempi brevi perché gli interni dei capannoni sono in condizioni ormai pessime da quello che abbiamo visto stamattina: ci sono estese pozzanghere di percolato e i piloni di sostegno sono pericolosamente corrosi dal contatto con i materiali.

Stamattina inoltre con il Sindaco Luciano Simonetto abbiamo sottolineato la necessità di effettuare i carotaggi dell’area esterna: dopo 15 anni non abbiamo ancora nessun dato certo sulla contaminazione del suolo e delle acque della campagna circostante, tenuto conto sia del dilavamento dei cumuli interni, sia del fatto che in passato  migliaia di tonnellate erano state depositate sull’area esterna senza proteggere il suolo. Il Piano per i carotaggi è pronto dal 2011, ma su questo fronte ancora tutto tace.

Continueremo a vigilare affinché gli impegni espressi oggi siano mantenuti, troppe volte in questi anni abbiamo dovuto riprendere le iniziative per sensibilizzare tutte le istituzioni sulla grave situazione che stiamo vivendo dal 2005. Per noi è comunque anche il momento di ringraziare tutti i parlamentari europei e italiani, i consiglieri regionali e provinciali, i Sindaci e i medici del territorio, ma soprattutto i nostri concittadini che hanno sempre sostenuto l’iniziativa dei Comitati e delle associazioni.

Comitato popolare Lasciateci respirare

A.P.S. La Vespa

Comitato SOS C&C

cof
cof
cof

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code