Sforamento del debito del 2,4%: non e’ questo il problema!

Dal balcone del Ministero e dalla piazza antistante dilaga la retorica nazionalpopulista. Il consenso sociale si lega alla natura razzista di questa coalizione: è questo il vero problema da affrontare . Pubblichiamo l’intervento di Paolo De Marchi. Continua a leggere Sforamento del debito del 2,4%: non e’ questo il problema!

Per un’Europa senza muri: i video del dibattito al Parco Buzzaccarini

Domenica 9 settembre nell’abito di EkoPark 2018 si è svolto un interessante dibattito sul tema: “Per un’Europa senza muri – Costruire ponti e aprire porti nella crisi dello Stato nazione e della democrazia“. Al Parco Buzzaccarini di Monselice in centinaia per ascoltare e interloquire con Massimo Cacciari, Gianfranco Bettin, Beppe Caccia e Beatrice Andreose.

Continua a leggere Per un’Europa senza muri: i video del dibattito al Parco Buzzaccarini

Gli orizzonti di un Governo “nazionalpopulista”

“Chiusura dei Porti” e “Decreto dignità” sono parti diverse dello stesso profilo nazionalpopulista della coalizione giallo-verde. Il contributo di Paolo De Marchi sulle politiche del nuovo Governo.

Continua a leggere Gli orizzonti di un Governo “nazionalpopulista”

Migrazioni e scenari demografici

L’articolata analisi di Paolo De Marchi che con dati alla mano, smonta le paure di un’ “invasione” inesistente, mette in luce l’inarrestabile calo demografico dell’Europa, gli effetti delle ingiustizie sociali e dell’impoverimento di intere aree del nostro continente. Un documento utile per ritornare a leggere la realtà e smontare la propaganda di populisti e sovranisti.

Continua a leggere Migrazioni e scenari demografici

Gli hub di Conetta e Bagnoli vanno chiusi

Raccogliendo l’appello lanciato dall’Hotel City Plaza di Atene in occasione dell’anniversario dell’accordo UE-Turchia per il contenimento dei flussi migratori, “Bassa padovana accoglie” ha promosso e partecipato a due giorni di mobilitazione.

Continua a leggere Gli hub di Conetta e Bagnoli vanno chiusi

Presidio al Tribunale di Padova

https://www.facebook.com/events/205607086580118/

Questa iniziativa, promossa dalla rete “Bassa Padovana Accoglie” e dalla Caritas di Monselice è, prima di tutto, un’espressione di solidarietà nei confronti di tre ragazzi richiedenti asilo accusati e processati ingiustamente per sequestro di persona.

I fatti risalgono al 12 novembre 2015 quando – dopo una legittima e pacifica protesta per vedersi riconosciuto il diritto all’iscrizione anagrafica (previsto dal D.L. n° 142 del 18 /8/2015) e il conseguente rilascio del documento d’identità – 34 di loro che erano accolti in varie strutture di Battaglia Terme, Due Carrare e Monselice gestite dalla Cooperativa Ecofficina, sono stati denunciati con accuse che vanno da violenza privata e sequestro di persona.

In più riprese a 13 di loro sono state revocate, dalla Prefettura di Padova, le misure di accoglienza, in pratica sono stati messi in mezzo ad una strada: solo la solidarietà delle associazioni di volontariato del territorio, della Caritas di Monselice e Due Carrare e di singoli cittadini ha garantito a questi ragazzi una prospettiva di vita.

L’iniziativa di oggi vuole anche denunciare il continuo ripetersi, per vari motivi, della revoca delle misure di accoglienza per queste persone. Persone che, ribadiamo, hanno pieno diritto di rimanere nel territorio italiano in quanto in possesso di regolare permesso di soggiorno o di riconoscimento delle varie forme di protezione, persone alle quali, invece, non è riconosciuta la possibilità di una vita dignitosa.

Ci chiediamo come mai un sistema, così ampiamente finanziato come quello delle cooperative di accoglienza dei richiedenti asilo e rifugiati, non possa farsi carico del destino di queste persone e utilizzi con tanta facilità la pratica dell’espulsione dai centri di accoglienza con motivazioni spesso insignificanti o infondate.

NO ALLE ESPULSIONI DAI CENTRI DI ACCOGLIENZA

PER UNA ACCOGLIENZA DEGNA

Invitiamo tutti ad essere presenti mercoledì 15 febbraio alle ore 9,30 davanti al tribunale di Padova

Assemblea Regionale per l’accoglienza degna e diffusa

La cerimonia per Sandrine sulle rive dell’Adige sabato 15 gennaio e la straordinaria manifestazione sul Montello domenica 22 gennaio, hanno risvegliato la consapevolezza che se gli Hub dove sono ammassati migliaia di richiedenti asilo esistono, è anche perché chi li considera inumani è incapace di unirsi, di far sentire la propria voce, le proprie esperienze.

Per questo motivo invitiamo tutti i protagonisti delle mobilitazioni, gli attori sociali dei percorsi di accoglienza, tutte le persone che non intendono arrendersi a chi semina razzismo e paure, a partecipare

all’Assemblea Regionale per l’accoglienza degna e diffusa

a Padova presso la sala del centro universitario di via Zabarella Sabato 28 gennaio dalle 16.00 alle 19.00

Per chiudere i luoghi disumani come Cona e per costruire insieme un’accoglienza degna e diffusa

INFORMAZIONE DA DIFFONDERE:

al termine all’Assemblea Regionale per l’accoglienza degna e diffusa –
https://www.facebook.com/events/729896300492837/
alle 18.30 circa, ci sarà la proiezione in “anteprima speciale gratuita ” di Les Sauteurs

Un fiore in riva all’Adige per sognare con Sandrine

Bassa Padovana Accoglie” raccogliendo la proposta di Andrea Segre ha organizzato per Domenica 15 gennaio alle ore 14.30, una Cerimonia per Sandrine Bakayoko. L’appuntamento è a Conetta (VE) che ospita la base dove ancora vivono 1300 persone e dove è morta il 2 gennaio Sandrine Bakayoko. Qui trovate gli articoli di Andrea Segre  e l’elenco delle adesioni finora pervenute.

Continua a leggere Un fiore in riva all’Adige per sognare con Sandrine

La nuova commissione pari opportunità si dia uno slancio

Pubblichiamo l’intervento di Franco Tasinato, membro della commissione pari opportunità del comune di Monselice, che trae il bilancio di tre anni di attività e avanza una auspicio per il futuro.

Continua a leggere La nuova commissione pari opportunità si dia uno slancio

Inaugurazione e cena al Centro “Vittorio Bachelet”

IL CENTRO VITTORIO BACHELET

Il centro Vittorio Bachelet – una vecchia fattoria acquistata e ristrutturata dall’ente pubblico negli anni ’80 – è stato Centro sociale, sede del Comune di Battaglia e poi sede di una università privata.

Difficoltà di bilancio delle amministrazioni comunali, necessità di interventi di manutenzione facevano ipotizzare la vendita dell’immobile.

Abbiamo tentato di contrastare il rischio di perdere un bene della comunità, cercando di mettere insieme idee, proposte e denaro.

E’ stato costituito un Coordinamento Associativo, formato da quattro associazioni – ANTEAS, AUSER, Centro Sociale Anziani e giovani, La Vespa – quelle che avevano accettato di imbarcarsi nell’avventura di prendersi carico della manutenzione e della gestione dell’edificio.

E’ stato firmato un accordo con il Comune di Battaglia, proprietario dell’edificio, con il quale si conviene di concederne l’uso per sei anni al Coordinamento, che si impegna a sostenere le spese di ripristino della funzionalità e di gestione delle attività.

Il 24 settembre 2016 il Centro sarà ufficialmente aperto al pubblico e alle attività.

Come raggiungere il Centro Bachelet: Dopo il sottopasso ferroviario, in direzione Galzignano, prendere via Leonardo da Vinci (la seconda via a sinistra); in fondo alla via girare a destra in via De Gasperi: subito dopo, all’incrocio con via Manzoni si trova il Centro.