Beatrice Andreose candidata a Sindaco di Este

Tra due mesi, i cittadini di #Este saranno chiamati al rinnovo della loro amministrazione comunale.  I candidati presentati dai maggiori partiti e movimenti hanno tutti un’estrazione o una collocazione nel centrodestra. Il fatto nuovo di questi giorni è la presentazione della lista “l’altraEste“, che ufficializza la candidatura a Sindaco di Beatrice Andreose.

Di questa lista Este ne aveva bisogno come l’ossigeno, poiché si offre come la vera alternativa ad un panorama appiattito sui contenuti e i valori della destra e del leghismo ruspante. Una lista che potrà diventare riferimento per quanti puntano ad un cambiamento reale, per le persone che hanno a cuore i valori dell’accoglienza e della solidarietà, per i cittadini che impegnati nella difesa dei beni comuni, per i tanti nauseati dalla fitta rete di clientelismo e intrallazzi che sta emergendo in questo periodo.

Un gruppo di persone impegnate in vari settori, dal sociale alla difesa dell’ambiente, dalla cultura all’affermazione dei diritti di tutti i cittadini, si mette a disposizione per dare alla città un’amministrazione che ponga al centro i veri bisogni dei residenti, che disegni un futuro che non costringa i giovani a fuggire, che garantisca a tutti una migliore qualità della vita.

Ecco una breve nota biografica e le prime dichiarazioni di BEATRICE ANDREOSE  candidata a Sindaco di Este alle prossime amministrative:

Atestina, classe 1957, mamma di Jacopo. Ha frequentato il liceo classico cittadino e si è laureata in Scienze Politiche col massimo dei voti. Dal 2010 al 2012 assessore all’ambiente del Comune di Este. Dal 2014 ad oggi consigliera, per quanto piuttosto critica, del Parco Colli Euganei. Da sempre ambientalista impegnata, in prima fila contro l’incenerimento dei rifiuti nelle cementerie e attiva nel Comitato Lasciateci Respirare. Giornalista, docente di diritto ed economia. Ha pubblicato vari libri, in particolare sulla storia atestina ed è autrice di centinaia tra articoli e saggi. É cofirmataria delle due proposte di Legge Regionale per la riconversione ecologica dell’economia e per il reddito minimo di cittadinanza.

Vivo ad Este per scelta. É la città dove sono nata e che amo. Ne conosco ogni angolo, anche il più sconosciuto. Ed i suoi abitanti, quelli più anziani ma anche i più giovani che frequento ogni giorno per lavoro. Ad Este insegno e vi cresco mio figlio. Ho scelto ESTE per la sua storia, per gli amici che mi ha dato e per ciò che potrebbe essere. 
Oggi la nostra città merita di più dei soliti amministratori, spesso scelti a tavolino dai partiti che si presentano al mercato elettorale secondo le regole del marketing politico.
Per questo ho accettato questa sfida. Quella di mettermi al servizio di questa città e di chi la abita. Per renderla più libera, più giusta, più sostenibile e più solidale.
Una città che guarda al futuro con i piedi ben saldati per terra. Una città solidale, a discriminazione zero. Una città che coltiva l’idea che se l’aria é irrespirabile, tutti si devono alzare per cambiarla.

É ora di fare scelte importanti, é ora di cambiare.
Cambiamo aria!

Gli articoli del Gazzettino e del Mattino di Padova 02-04-2016

Gazzettino_2016-04-02_Este andreose candidata Mattino_2016-04-02_Este Andreose candidata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code